Il Regno Segreto al MAN di Nuoro

Cristiano Porqueddu Various thoughts Leave a Comment

Nelle vene di Donna Antonietta scorreva mezzo sangue piemontese, e per questo, come abbiamo visto, sardizzata fino a non conoscere altra lingua, quel sangue, o la mistura di quel sangue, operava sulla volontà, e le impediva di non esistere.
(Satta – Il giorno del giudizio – 1977)

Dal 29 di Maggio è in corso presso il MAN_Museo d’Arte Provincia di Nuoro una mostra di rara bellezza intitolata “Il regno segreto. Sardegna-Piemonte: una visione postcoloniale” a cura di Luca Scarlini.

Attraverso il lavoro di artisti, musicisti e intellettuali, la rassegna rappresenta un’ampia e articolata indagine storiografica e culturale che rivela la relazione tra Sardegna e Piemonte, dal 1720 agli anni Sessanta del Novecento, raccogliendo una varietà di opere d’arte, documenti, manufatti, testi letterari, illustrazioni, ceramiche, fotografie e spartiti musicali, provenienti da prestigiose istituzioni italiane.

Un percorso di conoscenza e di profondo arricchimento grazie al quale, tra le altre cose, ho scoperto l’opera “Giovanni Gallurese” di Italo Montemezzi (1875 – 1952) che narra vicende che si svolgono in Sardegna, nel territorio di Osilo del XVII secolo, durante la tirannide spagnola e la composizione di Alfredo Casella (1883 – 1947) per cordo a 4 voci miste ed orchestra da camera “Canto e Ballo Sardo”.

Il lavoro condotto da Luigi Fassi (direttore del Man) e Luca Scarlini è di pregevole fattura. La ricerca abbraccia elementi legati all’arte, alla cultura e alla storia ed è in mostra fino al 15 del mese di Novembre.

Il mio consiglio è quello di non perderla per alcun motivo.

Link: http://www.museoman.it/it/mostre/mostra/mostra/Il-regno-segreto/

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.