I libri de L’Epos al macero

I volumi della casa editrice L’Epos di Biagio Cortimiglia, fallita un anno fa, andranno al macero a luglio. Al momento i testi sono ancora in vendita tramite il curatore fallimentare con uno sconto del 70% sul prezzo di copertina ma, nel giro di un mese,  tutto l’invenduto è destinato al macero e dunque all’oblio.

L’appello per salvarli corre sui social network. Tra i volumi a rischio molti libri sulla Sicilia e su Palermo, pubblicazioni con una veste grafica elegante e accurata con carta pregiata e carattere “bodoni”. L’Epos è stata fondata nel 1986, e ha esordito pubblicando testi di filosofia.

Molte collane dei primi anni appartengono a questa disciplina, tra cui l’opera omnia di Michele Federico Sciacca e Tetsugaku. Studi e testi di filosofia giapponese. Successivamente la casa editrice ha allargato il proprio catalogo all’editoria musicale, facendo del cinema, della danza, del teatro e della musica il centro delle proprie pubblicazioni. Tra le numerose collane di L’Epos, molte contengono monografie su grandi compositori, altre, come Interludi con Musica, sono di narrativa a sfondo musicale. Quadri d’esposizione è un’originale collana che propone approfondimenti sui singoli capolavori del repertorio occidentale; Harmonia Mundi raccoglie saggistica storica-musicologica; Danza & Fiabe è dedicata ai piccoli amanti della danza, ed è una collana di fiabe da leggere e guardare. Infine, da segnalare La tigre e il Dragone, collana dedicata alle monografie dei protagonisti del cinema d’Oriente.

A questo link è possibile consultare il catalogo, mentre per acquistare una delle opere con il 70% di sconto bisogna rivolgersi alla curatrice fallimentare, l’avvocato Marina Gorgone, all’indirizzo mail avv.m.gorgone@gmail.com.

Leave a Reply